Elia per 25 anni svolge un lavoro inusuale per una donna. Per caso e per passione, la sua è la storia di una donna camionista che con coraggio supera brillantemente una grande sfida.

I sogni di Elia

Alta 150 cm con un peso di 46 kg, il suo sogno fin da piccola è sempre stato guidare un camion, essere una donna camionista, almeno una volta nella vita. Nonostante i tanti amici proprietari di un camion, nessuno le dà fiducia e le permette di realizzare il suo desiderio. Tutti deridono alla sua richiesta perchè è donna, inoltre è troppo leggera e troppo fragile per poter gestire l’immenso e pesante, per lei, volante del camion.

Elia, con le sue origini contadine, finisce le scuole dell’obbligo e intanto lavora a domicilio incollando suole di scarpe per mettere da parte i soldi per gli studi. Ma il suo papà non vuole, pensa che non può farcela alle superiori, le “scuole alte”, coontinuando anche a lavorare. Poco prima di compiere 18 anni si iscrive alla scuola guida in un paese vicino ad Arcevia, posto in cui abita da ragazza. Al compimento dei 18 anni supera l’esame di teoria e la guida pratica e ottiene  la desiderata patente B per guidare l’auto ed essere indipendente: quello che le fa battere il cuore è guidare, guidare, qualsiasi cosa.

Elia incontra l’amore

Con la maturità inizia un periodo molto bello per Elia: ha la patente ed è innamorata di un ragazzo speciale che, come dice lei “le parla direttamente al cuore”. Lui ha il diploma di liceo classico e conosce il latino, il greco e soprattutto la filosofia. Elia si sente un po’ più istruita ad ascoltarlo parlare di Aristotele, Platone e Socrate. Questo ragazzo diventa il marito di Elia, il padre dei suoi figli ma anche quello che le suggerisce la soluzione per realizzare il suo sogno: prendere la patente C!

Riuscirà Elia a realizzazione il suo sogno?

Sì, Elia è una donna che non molla e si iscrive nuovamente a scuola guida. Pensa che per prendere la patente devono necessariamente farle guidare un camion. Supera un difficile esame teorico e finalmente, eccola, con le gambe tremanti, gli occhi lucidi, le spalle strette per un po’ di paura, sale su un camion e questa volta, per la prima volta, non sul sedile del passeggero ma in cabina di regia: inizia così la sua prima lezione di guida da camionista.

Giorno dopo giorno, lezione dopo lezione, la sua patente di arricchisce della lettera C. Ha superato l’esame con i complimenti dell’esaminatore per aver guidato in modo eccellente un vecchio camion con il doppio cambio non sincronizzato e diventa così una donna camionista.

La passione di Elia diventa un’opportunità di lavoro

Intanto Elia sente il bisogno di cambiare lavoro di operaia calzaturificia. Avrebbe voluto lavorare in campagna con il padre, perchè la natura è un’altra delle sue passione, ma il padre non glielo permette. È una donna e in quel contesto decidono gli uomini. Vive momenti difficili, ansie, paure, incertezza. Cerca altri lavori, colloqui, presentazioni, strette di mano, ma i tempi sono difficili e nulla si concretizza in opportunità di lavorare.

Chiede ad amici, a parenti, a conoscenti, al panettiere e all’edicolante sotto casa. Cerca cerca. Un giorno il marito di Elia viene a sapere che nella sua azienda hanno bisogno di un camionista, sì al maschile, perché nell’immaginario collettivo la figura della donna camionista non esiste, né per passione né per caso.

Elia si divide tra la famiglia e il lavoro di camionista

Ma Elia le ha entrambe e decide di provarci. In una calda e afosa mattina di luglio si presenta al suo nuovo lavoro, il suo primo viaggio per un carico di grano, con in tasca un pezzo di carta rosa, con su la lettera C. Il suo nuovo datore di lavoro alla vista di Elia strabuzza gli occhi, non ci crede. Pensava che fosse un uomo, Elìa. L’accento l’ha tratto in inganno. Ma Elia lo convince, guida il camion al meglio che una persona può fare, è sveglia, simpatica e ha passione per questo lavoro. Diventa “Elia la donna camionista”.  Così si licenzia dall’azienda e inizia la carriera di camionista.

Dopo poco nasce il suo primo figlio e 13 mesi dopo la sua seconda bambina. Concilia così il lavoro di camionista con l’essere mamma. Difficile ma ci riesce.

Un regalo insolito di san Valentino

Solitamente per il giorno di San Valentino il marito le regala un mazzo di fiori accompagnato da una poesia. Quell’anno arriva alla sua porta un regalo insolito: un autotreno, cioè un camion con rimorchio. Lei ha 23 anni e il camion è più vecchio di lei di 3 anni, la guida a destra e un enorme volante color avorio. Per guidarlo occorre però la patente E, e quindi la nostra Elia si riscrive per la terza volta a una scuola guida e la prende. Ricorda le parole dell’esaminatore: “che cosa mi tocca fare oggi, dare la patente per il rimorchio a una donna”. Da qui comincia la storia di Elia la camionista “padroncina” del suo camion.

Il lavoro di donna camionista come via di fuga

Per Elia quel lavoro da camionista è anche una via di fuga. Vive con il marito e i figli, vicino a genitori e suoceri. La vita privata della giovane coppia è minacciata dall’invadenza dei genitori intorno. Elia capisce che rischia di litigare col marito e rovinare quella che è una bellissima storia d’amore. Capisce anche che negli anni ‘80 avere un marito che si fida a mandarla in giro in mezzo a camionisti è una gran fortuna ma anche una possibilità di mantenere saldo il loro rapporto di fiducia. Svolge questo lavoro per diversi anni. In un ambiente non proprio facile. Deve imparare a difendersi ma soprattutto a farsi accettare e riconoscere. E questo impara a farlo. In fondo è una donna camionista per caso ma anche per passione, non ha alcuna intenzione di mollare.

La parola camionista declinata al femminile

Adotta una strategia: rimanere concentrata su se stessa, non perdere fiducia in quello che è e che fa e, soprattutto, ricordarsi di essere una donna, oltre che camionista. Elia racconta: “nei primi mesi da autotrenista incontro una camionista che va addirittura all’estero, nella ex Jugoslavia. Io l’ho incontrata a Ravenna e mi ha dato subito dei consigli che per me sono diventati un Vangelo, tra cui uno: ricordati sempre che sei una donna! Vero. Ho rischiato di dimenticarlo. Una volta vedo un’altra camionista piccola come me nel piazzale di carico e d’istinto dico ai miei colleghi:  “guardate c’è una donna su quel camion!” Ricordo ancora la gran risata e la risposta: “noi la vediamo tutti i giorni!!”

La “farfalla di Ancona”

Il camion di Elia è indicato come “il camion senza autista”, perchè è così piccina che quando lo guida non la si vede. Nel gergo dei camionisti lei è chiamata la “farfalla di Ancona” perchè è l’animale più leggero dell’aria in contrapposizione al camion che è un mezzo pesante.

La nostra Elia, ricca di passione, riesce così a capovolgere la semantica della parola camionista: può essere declinata al femminile perchè può essere un lavoro svolto da una donna, una donna leggera e comune, ma anche tanto straordinaria.

di Emiliana Renella

La donna camionista, storia della coraggiosa Elia

6 pensieri su “La donna camionista, storia della coraggiosa Elia

    • 02/07/2019 alle 21:23
      Permalink

      Vero! Grande Elia.
      Ci fa piacere se continui a seguirci e leggere le storie vostre e nostre. Grazie!

      Rispondi
  • 02/07/2019 alle 21:14
    Permalink

    Devo un Grandissimo Ringraziamento alla mia Carissima Amica Elia con la quale per diversi anni ho intrapreso un cammino di collaborazione, non come collega camionista ma come collaboratore per lo sviluppo di una rete commerciale nella quale comprendeva anche la partecipazione a SEMINARI in Austria; di MOTIVAZIONE e CRESCITA PERSONALE.
    Elia donna STRAORDINARIA, DETERMINATA che quando si proponeva un OBBIETTO.. LO RAGGIUNGEVA……………
    I MIEI PIU’ SINCERI E CORDIALI C O M P L I M E N T I….!!!!!!

    Rispondi
    • 02/07/2019 alle 21:21
      Permalink

      Adriano proprio vero. Elia é una forza e un esempio di coraggio. Se vuoi, continua a seguirci per scoprire le prossime storie. A presto!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *